Vivete!

Non mi ero accorto di essere rimasto per minuti immobile, con gli occhi che per direzione avresti detto puntati sull’olio bollente di friggitrici da sgrassare, ma che in verità guardavano tutto e niente, oltre la materia davanti, e si domandavano se l’immagine di quel volto riflesso sull’acciaio fosse l’ora e qui, oppure una proiezione di me con disegnata l’usura di vent’anni in più. La mano di un collega mi ha condotto indietro. Ho detto: Ero sovrappensiero, con in tasca un imperativo senza più punti interrogativi. Cambiare. Me lo ripeto da anni. Bene, è arrivato il momento di farlo. E il momento è l’autunno che verrà. L’estate mi ha restituito gli stimoli che la stanchezza fisica di un intero anno aveva esaurito piuttosto in fretta, bicchiere dopo bicchiere, come una bottiglia di acqua naturale fresca al pranzo di Ferragosto. Quando tornano le forze, i sorrisi, l’imprevisto, torna anche la voglia di progettare, inutile in una quotidianità già decisa. Ho attraversato settimane di recupero. Niente a che vedere con i minuti finali di una partita di coppa, alla disperata ricerca di una vittoria ritenuta meritata. Si tratta di un percorso benessere senza stabilimenti termali o Spa. E’ il risultato di una riflessione arrivata a due passi dal precipizio quando, ad alta voce, mi sono domandato: Ma come mi sto riducendo?
Vi è capitato mai di guardarvi allo specchio, o nel riflesso di una porta a vetri, e trovarvi da buttare? Non fatelo, ché trasformati in concime per il prato inglese non vi sentirete di certo più soddisfatti. Ma inventatevi qualcosa per uscirne, per generare l’unico processo inarrestabile: il cambiamento. Aprite la finestra e fate entrare tutto il caldo di quest’ultimo infernale anticiclone. Permettete al sole di farsi sentire sui vostri corpi, ricordarvi cos’è calore, cos’è sudore, cos’è occhi chiusi a ricaricare le pile. E’ un po’ vero che gli esseri umani vanno a energia solare. Siamo più complicati di un’automobile alla quale basta benzina e tagliandi per andare avanti a oltranza. A noi non bastano 6 o 7 ore di sonno a notte, per svegliarci e metterci a costruire. Abbiamo bisogno di energie vitali che ci facciano sentire bene, che ci convincano di valere, che ci facciano piacere per quello che siamo. Arrivano un po’ dal sole, un po’ dagli altri e tanto dai nostri sogni che ci mantengono a galla.
Io ero stanco come un intero stanco, e stanco come un collage di parti, ognuna stanca a suo modo e più delle altre. Alla sera non riuscivo a tenere gli occhi aperti per pensare. Questo mi faceva arrabbiare perché, per me, un angolo di solitudine riflessiva giornaliera è più importante dei cereali a colazione. La rabbia tentava di salire in superficie, ma crollava poco dopo. Mi era chiaro che non stessi procedendo nella direzione giusta, però continuavo nell’attesa di un’illuminazione che una routine così logorante non mi avrebbe offerto mai.
Continui a fare, fare, fare. Non riesci a leggere. Ti stai impoverendo, costretto a relazionarti con individui che non frequenteresti, se non fossi costretto dal lavoro che fai, a batterti per argomenti e conquiste di nessun interesse. Ti stai imbruttendo, ingrassando, invecchiando. Eppure persisti, perfettamente integrato nella catena di montaggio della vita, per la bella vita di qualcun altro. Sembra che questa condizione sia a tal punto di tuo gradimento da toglierti dalla testa l’eventualità di cambiarla per una migliore, non solo per convenienza, quanto e soprattutto per la qualità. C’è la vita, e quindi tu, Matteo, prima del lavoro, dei doveri, delle responsabilità, del denaro che ti ammazzi per avere e ti basta appena per la metà del mese, devi vivere.
Per tutto questo, e molto altro, io vivrò.

34 commenti su “Vivete!

  1. Era quello che mi aspettavo di leggere,e non ti fermare.C’è sempre una nuova strada da percorrere,io le chiamavo vie di fuga…e le ho percorse più volte.
    In bocca al lupo,Matteo

    • Fuga mi fa pensare a una distanza che aumenta, io le voglio vedere come una riduzione della strada che mi separa dalla meta. Crepi, grazie! 🙂

  2. Bisogna rimettersi in gioco, in discussione…non importa dove arriva il treno, l’importante è salirci su! E se uno ci sale in fondo s’è fatto due calcoli e tanto male non può finire…daje Mattè!! 😉

  3. Matteo, viviamo una situazione molto simile noi due.
    Qualche giorno fa ho scritto che agosto è come gennaio, per me, un mese in cui all’apparenza non ho fatto niente, ma che mi ha lasciato molto tempo per riflettere su quello che voglio davvero e (pare) l’abbia capito.
    Vado a vivere anch’io 🙂

  4. Ecco, sì. Bisogna sempre aver presente cosa si desidera, la penso come te, quella è la vita, lo stimolo, la crescita e la curiosità…e giusto così, questo è vivere, credo che tu stia facendo la scelta giusta.
    Un abbraccio Matte!

  5. Ce la farai *_*
    Spesso mi sono guardato allo specchio e mi giudicavo male. Cambiare è faticoso! Lo so perché sto cercando di cambiare, ovvero migliorare, spero che il traguardo sia la serenità.
    Un abbraccio forte ^_^

  6. Matteo, mi fa piacere leggere questa voglia di cambiare, la tua vita che è la cosa più difficile per me. Quoto ogni tua parola e mi auguro ogni giorno, ogni minuto, ogni istante della mia esistenza di trovare il modo di cambiarla, un modo che funzioni.

    Troppe volte mi ritrovo a pensare “Credevo sarebbe stato più facile vivere così, accontentandomi, trascinandomi da un giorno all’altro, da una timbratura d’uscita all’altra, da un fine settimana all’altro”.

    E come direi su Radio Free Mouth: sto ascoltando “Dancin’ in the dark” – chi conosce il testo sa perché. In bocca al lupo, Matteo!!! 😉

    • Anche per me è la cosa più difficile. Le sto provando tutte, proprio tutte. E’ una sfida contro me stesso e l’abitudine. Non voglio ritrovarmi fra qualche anno a pensare ad alta voce: Dovevo farlo, e non l’ho fatto. Crepi il lupo! Un abbraccione al mio speaker preferito

  7. Vai Matteo, VAI!!!! Siamo tutti con te!
    (io alla fine di una riflessione simile mi sono mesa a dieta. Non so se funziona, però quando mi guardo allo specchio mi vedo meno concime “in potenza”, ecco. E poi meglio fare qualcosa che aspettare, come dici bene tu)

    • Anch’io, dopo una riflessione simile, mi sono messo a dieta. In effetti, questa è la mia seconda o terza riflessione importante. Speriamo porti cambiamenti ugualmente importanti. Baci!

  8. Una sferzata di energia e di coraggio! Reinventarsi ha a che vedere con l’autostima con la tenacia e il desiderio di autoconservazione e paga sempre a tutti i livelli! In bocca al lupo!

  9. Tu lo sai perché ti adoro. E sai che mu rispecchio tanto in queste parole e anche io sto cercando di…ecco. Ma ho paura dell’ignoto.

    Un abbraccio Matteo, ti meriti il meglio.

  10. Scegli quello che vuoi davvero fare e soprattutto, convinciti di meritarlo, di meritare di essere felice, qualunque cosa significhi per te. Per me è stata la parte più difficile, e ogni giorno è una lotta per vincerla, ma sai, ne vale davvero la pena.
    Baci!

    • Grazie Marta, per le parole, il sostegno, e il brivido emozionale che mi ha provocato: Convinciti di meritarlo, di meritare di essere felice. Baci a te!

  11. proprio per questo, io ho coperto tutti gli specchi, in casa, o quasi. Oppure evito di guardarmici dentro anche quando la mattina mi lavo il viso. Cosa si fa, quando , sul precipizio, ci resti appeso per una mano sola? e la corda, che potrebbe salvarti, sta un palmo troppo in là? A volte , in questa vita forzata, ci si resta invischiati come la mosca nella ragnatela.

Rispondi a Miss Fletcher Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.